Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

venerdì 11 novembre 2016

Rendiamo i compiti... autentici!

Eccoci alla seconda puntata della nostra avventura con i compiti a casa! Cosa significa compito autentico? Significa trasformare i compiti in progetti, dotarli di senso e finalità, renderli utili, veri e accattivanti... Perché, per esempio, limitarsi a ripetere una paginetta del libro di geografia sui vulcani se si può realizzare un video da mettere a disposizione di altri bimbi in rete? Per realizzare il video, poi, servono delle immagini... ecco che con un po' di carta da lucido si può realizzare e colorare una rappresentazione delle fasi di un'eruzione; un'oretta di studio e lavoro ed ecco il risultato:



Grazie a questo progetto, nato un po' per caso, in un pomeriggio d'autunno, dalla voglia di creare, la lezione da studiare e la passione materna per una didattica che diverta, coinvolga, sfidi e valorizzi, Letizia ha personalizzato lo studio, ha messo a frutto la sua passione per il disegno e ha imparato che la Rete è un posto dove non si attinge soltanto ma si può dare il proprio contributo: "Mamma, la volta scorsa ho studiato grazie ai video di altre persone, adesso qualcuno potrà studiare grazie al mio!".


giovedì 10 novembre 2016

Che bello fare i compiti!

Compiti a casa sì, compiti a casa no? Mentre il web si infiamma e si divide, noi abbiamo trovato la nostra "terza via".
Anche qui i compiti a casa del fine settimana erano spesso fonte di stress: una sorellina da tenere occupata, una bimba intenta a fare i compiti che rivendicava la presenza costante della mamma e che, allo stesso tempo, voleva andare a giocare o a guardare i cartoni, concessi solo nel week-end; aggiungete una mamma insegnante che vuole abituare all'autonomia la figlia ed è già satura di scuola, di compiti da correggere e di lezioni da preparare: la miscela era spesso esplosiva. 
Oggi, invece, va così:







Cosa è cambiato? Ci siamo "capovolte"! 

Da un anno ormai sto approfondendo e mi sto sempre più appassionando alla didattica capovolta: una metodologia che prevede lo studio domestico delle nozioni teoriche, spesso attraverso video didattici, e l'applicazione delle stesse in aula, con compiti cooperativi ancorati alla realtà e alle competenze digitali. La sto introducendo progressivamente a scuola e, di fronte allo "scoglio-compiti", mi sono detta: "Perché non provare?". 
Quest'anno Letizia ha iniziato la terza elementare: ero così felice che potesse iniziare a studiare e ad appassionarsi alla storia, alla geografia, alle scienze! 
Lo studio a casa era invece sofferto, le nozioni così astratte da perdere il fascino che avevano ai miei occhi di adulta... come proteggere e coltivare la sua curiosità, farle amare imparare e conoscere? 
Sono partita da lei, dalla mia bimba dei colori e delle matite, la mia piccola artista, la mia appassionata di cartoni animati e storie: per ogni argomento di studio ho trovato un video online, lo abbiamo guardato e riguardato, tutte e tre, insieme: non era più necessario impegnare Diletta in un'attività alternativa né la piccolina, conquistata dal video, ha rappresentato più un elemento di disturbo; autonomamente Letizia ha voluto replicare i disegni del video e con l'aiuto dei disegni mi ha ripetuto tutta la lezione: "Mamma, è bellissimo studiare così! Se anche ci metto più tempo non importa perchè i cartoni li guardo per studiare, e sono anche più belli!". E adesso tocca ai compiti autentici! 

To be continued!




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails