Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

sabato 20 settembre 2014

Ciao Pio

Sei volato via in un luminoso giorno di sole, circondato dalla bellezza, tra le nostre montagne, quelle che mi avevi regalato quando ero piccina, ricordi? Quelle che hai regalato alle tue nipotine - insieme ai capelli ("tutti a voi li ho lasciati!") - quando siamo stati lì insieme, a far volare gli aquiloni. Sei andato  via come avevi sempre detto di desiderare, facendo quello che ti piaceva di più: camminare. Hai salutato tutti prima di andar via, pur senza che nessuno di noi potesse immaginare che era l'ultima volta che sentivamo la tua voce. 

Non so dire quanto mi manchi, quanto è bruciante la tua assenza. 

Ma oggi voglio parlare di cose belle, della tua, della nostra vita felice. 

Voglio dirti grazie di essere stato il mio principe Artù, il cardinale Richelieu e D'artagnan per Laura e il lupaccio per le mie bambine: a ognuno il suo gioco, e come sapevi giocare tu non sa giocare nessuno; voglio dirti grazie per tutte le volte in cui mi accompagnavi ai giardini, voglio dirti grazie per le nostre camminate in montagna per avermi insegnato a conoscerla, amarla e rispettarla, voglio dirti grazie per le fiabe sonore, e per le mille che inventavi per me, voglio dirti grazie per le nostre litigate che dopo mezz'ora erano già dimenticate, grazie per le passeggiate e le chiacchierate sulla via di scuola, al mattino, anche se non mi aspettavi quando facevo tardi e poi raggiungerti, col tuo passo veloce, era un'impresa. 
Grazie per i tuoi sorrisi e per i tuoi gesti teneri, mai scontati. 
Grazie per il caffè che mi offrivi ogni volta che venivo a casa, per il cancello che mi tenevi aperto, per le retromarce che facevi al mio posto. Grazie per zuppette sul balcone, in montagna, per i tuffi nei cavalloni al mare. Grazie per le tue battute prevedibili, per le tue massime proverbiali, per le tue fettine di anguria sottilissime, per il profumo delle bucce d'arancia bruciate. Grazie per i dolcetti di marzapane e per le arachidi che ti piacevano divise a metà e a me, invece, intere. Grazie per le smorfie e per le risate davanti ai film di Totò. Grazie per tutte le volte che sei andato a prendere Letizia e Diletta a scuola, per tutte le volte che le hai portate al parco, per tutti i giochi, grazie per come ti divertivi a giocare. Grazie per come sapevi ascoltare, anche i miei progetti strampalati di orti futuri.

Grazie perchè non hai mai smesso di educarmi e di insegnarmi, anche se spesso ero una testa dura. Grazie perchè lo hai fatto soprattutto con l'esempio, in ogni cosa seguendo il vero e il giusto, sempre con misura, accontentandoti di poco per essere felice.
Grazie per il tuo senso del dovere che ora è il mio. 
Grazie per avermi dato la vita e averla resa piena e felice. 
Grazie per tutto quello che ci hai insegnato e che trasformerà questa assenza insopportabile di nuovo in presenza, perchè sarai in ogni gesto, in ogni racconto, in ogni memoria, in ogni sorriso.
Ciao Pio, grazie babbo mio.


12 commenti:

  1. Un abbraccio forte anche da parte mia. Pure nel dolore grande, è l'amore che vince su tutto e che durerà per sempre.

    RispondiElimina
  2. una stretta forte forte. il mio " Cino" se n'è andato due anni fa, dicendo " ho avuto una bella vita, una vita felice. Copriti bene per andare a lavorare, che la mattina fa freddo" ed io, a 53 anni, mi sentivo la sua bambina. Ma lui è qua con me, in ogni attimo, in ogni respiro, nella nostra somiglianza, nelle risate che ci facciamo quando lo ricordiamo. E Pio è lì con te, con voi, nella bellezza di averlo accanto. Emanuela

    RispondiElimina
  3. Bello il tuo modo di ricordarlo anzi di tenerlo presente! Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. E'vero! Nessuno ci lascia per sempre! E tu lo hai espresso nel migliore dei modi.
    Un abbraccio fortissimo anche da parte mia

    RispondiElimina
  5. In chiesa l'avevo ascoltato ma ero travolta dall'emozione e dal dolore (vostro e mio).
    Grazie di averlo riportato qui, tornerò tante volte a rileggerlo.

    RispondiElimina
  6. Sono commossa dalle tue bellissime parole, sono commossa anche solo ad immedesimarmi in questo tuo dolore... eppure leggendo queste tue righe ricche di amore leggo quasi una dolce serenità, mi spiego : si vede da tutti i ringraziamenti densi di vita e di significato quanto ti mancherà... eppure hai la forza e la pace in te per "lasciarlo andare". Ti ammiro molto ... e ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  7. Sai bene che ho vissuto la medesima esperienza due mesi fà...le parole non possono consolare ma la fede ed il tempo si.Io so che i nostri cari vivono, vivono di una vita che noi nemmeno possiamo immaginare,vivono in un'altra dimensione ma anche continuano a vivere nei nostri gesti, nelle nostre abitudini che poi sono le medesime insegnateci da loro, vivono nel nostro ricordo...Vivono perchè la vita si perpetua attraverso noi ed i nostri figli.Forse difficile è affrontare quelle che già una volta ti dissi essere "le tracce" di loro ma cerchiamo di farci forza. Anche perchè ho uno splendido bimbo di tre anni che mi chiede del nonno e di come è volato in cielo "aggrappando una nuvola" per fare compagnia a Gesù...che mi domanda se Gesù potrà dargli uno spazzolino per i denti od un letto, se tornerà per decorare con le lucine di Natale il balcone...Insomma bisogna farsi forza anche per loro, per i nostri figli...Ti abbraccio forte Anna Maria!

    RispondiElimina
  8. Cara, sono qui con le lacrime agli occhi, commossa per ogni tua semplice profonda parola. E' un bellissimo post questo. Ti abbraccio forte e dolcemente t'abbraccio...

    RispondiElimina
  9. In punta di piedi entro nei tuoi dolcissimi ricordi e mi commuovono... Hai ragione, col tempo l'assenza sarà meno bruciante, e diventerà presenza nei ricordi che diventano gesti quotidiani...
    Ti abbraccio forte cara... forte forte...
    Francesca

    RispondiElimina
  10. Era da un po' che non mi collegavo..ti abbraccio e ti sono vicina col cuore!

    RispondiElimina
  11. Piango.
    Piango per il tuo dolore.
    E piango, egoisticamente, perchè, pur essendo ancora vivo, trovo davvero pochi grazie da rivolgere al mio.
    Piango perchè mi rendo conto che non sono tutti così i padri. Esistono padri meravigliosi che lasciano vuoti immensi perchè immensa e colma d'Amore è stata la loro presenza in vita.
    Piango e ti abbraccio.
    Grazie per queste parole.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails