Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

lunedì 2 dicembre 2013

Una giornata tutta per me... Al Mammacheblog!

Fino all'ultimo non ci ho creduto, non ho comprato i biglietti del treno, non ho studiato il percorso, non mi sono iscritta ai laboratori creativi: uscivo da una settimana pesantissima, dopo Letizia e Diletta era caduto sotto i colpi del primo malanno di stagione anche il marito, febbre altissima fino al giovedì... la tentazione della sveglia (un po' più) tardi (del solito) era forte... perché poi, sarei stata ancora capace di muovermi a Milano? Quelli che anni fa erano automatismi consolidati, percorsi scritti nei piedi assonnati ora mi intimorivano: sarei stata ancora capace di orientarmi tra nuovi mezzi, zone, orari? Quanto tempo era passato dall'ultimo viaggio, dall'ultimo esame universitario, dall'ultimo anno della scuola di specializzazione dopo il quale mi ero detta "Per almeno un anno non voglio tornarci più"?

E dopo diversi anni eccomi lì, alla fermata dell'autobus, indossando una delle mie gonne - che se c'è qualcuno che le può apprezzare quelle sono le amiche creative- in mano un biglietto che conservavo nel portafoglio per le emergenze, edizione 2010 (da quanto non prendevo un autobus io, ciclista impenitente?), una giornata tutta per me davanti, più forte dei timori la prospettiva di incontrare amiche virtuali e non, per un giorno vicine, per un giorno con il privilegio di sferruzzare fianco a fianco, chiacchierare davanti a una buona tisana, abbracci concreti, parole e risate che escono dallo schermo per diventare volti e sorrisi.


Foto by Ester
Questo emoziona sempre me - blogger senza ambizioni da professionista- del mammacheblog: dare consistenza agli avatar, associare una cadenza alle parole, un'inflessione, un tono di voce, una fossetta sulle guance (anzi, su una sola guancia, vero Linda?) ad un sorriso; l'euforia di incontrarsi per la prima volta e al tempo stesso la naturalezza di un discorso che continua, che non si è mai interrotto, la sensazione di essersi lasciate il giorno prima, di rivedersi il successivo. 

Ed ecco Odile, bellissima come sempre, che mi aspetta in stazione e mi salva dalla deriva tra le bancarelle del mercato; torna in pista e sul web con le sue creazioni e la sua vetrina che potete seguire anche su fb, gonne e borse, perfette in ogni dettaglio: non possono perdersela tutte coloro che mi scrivono per chiedermi di realizzare capi di sartoria su commissione; io sperimento e pasticcio da autodidatta solo per me e per le mie bimbe, Odile è una sarta vera e perfezionista (e ha un gran buon gusto!); e poi Fosca, mia amica e poetessa del cuore (ogni volta che la vedo penso che non l'abbraccio mai quanto vorrei) e ambasciatrice del Cuore grande, Cuore di maglia, con l'instancabile Presidentessa Laura, innamorata dei piedini dei bimbi, che racconta di fili d'Amore che rivestono sempre più cuori piccini, scaldano quelli di mamme e papà impauriti, donano dignità e speranza, spesso un sorriso, in una realtà difficile fatta di bimbi sottovetro... tutti i gomitoli distribuiti con generosità al mammacheblog diventino scarpine, cappellini e sacchi nanna!


Foto by Ester
Incontro finalmente - e non mi par vero- Ester, bella di quella sua bellezza sincera, calda di quella semplicità che quando parli con lei o leggi le sue parole, ti riconcilia con il mondo. 


Foto by Ester
Ecco Deborah, che realizza dolcetti che sono capolavori, con il suo tenerissimo Buh che si siede tra le magliaie e dichiara che si sferruzzerà un maglioncino, lui, da grande, e la sua timidissima Sorellina, che tanto mi ricorda la mia Letizia nel suo nascondersi dietro la mamma; ecco Silvia delle cose di ogni giorno con cui ci scambiamo sorrisi complici ogni volta che ci incontriamo girovagando per la Fonderia, ecco Linda, la mia amica delle affinità elettive, stanca per le notti insonni che però non hanno spento la sua creatività fatta di intuizioni geniali nella loro semplicità. 


E non sono mancate le amiche nuove, come Rossella con le sue borse romantiche e raffinate (vogliamo presto il blog!). Mammafelice è radiosa come sempre, contagiosa negli entusiasmi, con quel fuoco di passione e fiducia in ciò che fa, nella gente, che le brucia dentro e che contagia, e quando parla, anche solo di cosa è un blog a quattro amiche sedute su un divano, ti viene da tirare fuori un foglio e scrivere, per non perdere quelle parole piene di lei, garanzia di felicità.

C'erano tante e tante altre mamme, più e meno famose, al Mammacheblog, c'erano professioniste che condividevano i loro saperi senza riserve, c'erano creative dalle mani d'oro; un'organizzazione impeccabile nella cura dei dettagli, dal fasciatoio in bagno, all'acqua, al caffè, alla colazione, al pranzo, tutto offerto in una regia perfetta senza crepe o sbavature, in una sinergia perfetta di sponsor selezionati con lungimiranza. A vedere, a vivere tutto questo mi sono sentita piena di ammirazione. E di speranza. Ho pensato che davvero possiamo cambiare il mondo, una mamma alla volta; che possiamo salvare la nostra bella Italia, una mamma alla volta. 

Mamme del web, a quando in Parlamento?



12 commenti:

  1. Grazie per i bei pensieri che hai dedicato a me e ai bambini... buffo che tu parli dei dolcetti proprio oggi che ho pubblicato un tutorial per fare un cupcake a forma di Minion...
    E quanto a BUH, prima di metterci a sferruzzare ho pensato bene di iniziarlo al finger knitting ed è entusiasta!!

    un abbraccio ( o abbraZZo come direbbe Sorellina)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, il finger knitting! Mi passi qualche link? Magari provo anche con Letizia tra un po'! Un abbrazzo anche a voi :-D

      Elimina
  2. Che bello è stato. Che bel cuore che sei tu. ♥
    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se la prossima volta mi ricordo di portare tutte le punte, poi, oltre al cuore ci metto anche la testa e le mani (però, mi dico poi, quel mini twist completato proprio lì, di quanto Amore si è caricato♥?)

      Elimina
  3. Io e la mia fossetta ringraziamo commosse :*
    Mi dispiace solo non esserci fatte una foto insieme e non aver potuto chiacchierare di più, ma ci saranno altre occasioni, magari su un divano da Ikea :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che affinità elettive sarebbero se una delle due si fosse ricordata di fare una foto ;-D? Da Ikea ci devono dedicare un'intera craft room!

      Elimina
  4. al mammache blog di maggio ho sperato di incontrarti (come anche Linda) speriamo che questo sia l'inizio e ci sarà altra occasione. Io mi ricordo di essermi forzata molto per combattere la timidezza ma poi ero così felice di aver dato un volto a quelle parole che amo leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! A volte non bisogna pensare troppo e lanciarsi... ci sono occasioni in cui il bilancio è sempre positivo! A presto, allora!

      Elimina
  5. che bel post!! felicissima averti incontrata e aver confermato le belle sensazioni che ho sempre vissuto leggendoti e parlando con te "virtualmente" :)))

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails