Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

mercoledì 24 aprile 2013

Yarn Along

Amo indossare i maglioni senza camicia. E non è soltanto perché -tra i mestieri di casa- stirare è l'unico che non mi è parso irrinunciabile, e neppure solo perché mi vesto in corsa, spesso nella penombra, spesso con le mosse felpate del giaguaro in caccia. Sta di fatto che i maglioni, alcuni maglioni almeno, senza camicia sono proprio brutti da vedere. E così ho il pretesto più verosimile e irrinunciabile che ci sia (sì, questo sì)  per sferruzzare colli di ogni dimensione e fattura. Colli e cappelli danno una gratificazione immediata: si stenta a fermarsi, in dieci giorni sono finiti e sono come le ciliegie, uno tira l'altro. Anche se il caldo scoppia all'improvviso e ci si ritrova in maniche corte, con le finestre aperte e la lana merino tra le mani: questa mia fase creativa chiama i ferri da maglia, a me non resta altro che adeguarmi, arrendevole; e così eccolo qui, un secondo collo e il mio primo esperimento di schema: esaltante. 





E poi il piacere di leggere fino a tarda sera, rapita da un romanzo come non mi capitava da tempo, ancora, anche in questo caso, impossibile fermarsi prima di averlo finito: improvvisamente ti stanno strette le giornate fitte di impegni perché  questo è il giorno in cui vorresti mettere la vita in pausa e star seduto a leggere tutto d'un fiato...  Il romanzo è quello di un'amica che ha il dono grande della scrittura, una scrittura che finora ha fatto sorridere di cuore nei post del suo blog e che in questo suo primo libro si mostra versatile e capace di avvincere narrando una quotidianità che potrebbe appartenere a ogni donna e che, pure, non è banale: vicende interiori che si intrecciano magistralmente con percorsi esteriori; la profondità di esperienza di una donna, moglie e madre, e l'abilità di una scrittrice si fondono in un equilibrio vincente tra realtà e finzione, in un personaggio a tutto tondo, in un romanzo che coinvolge, stupisce, e, senza sbavature sentimentali, fa riflettere sulle varie forme dell'Amore: quello coniugale sospeso tra devozione quotidiana e incomprensioni, quello tra donne, sorelle, nipoti, madri e figlie. Un libro che fa riflettere senza invadenza, tra le righe di un dialogo, di un monologo interiore, tra le pieghe di giorni di lavoro, di silenzi, di pensieri e gesti abituali appena incrinati dall'imprevisto. 


1 commento:

  1. Ohhhhhhhhh!!!ma che recensione!Bellissima! E mi fa strano che nel mio romanzo ci sua tutta sta roba :-) Emozione pura!Grazie tesoro, grazie grazie grazieeeeeeeeee!!!!!! A proposito del maglione, mi viene caldo solo a pensarci, ma maremmina come sei brava!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails