Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

giovedì 4 ottobre 2012

I Promessi Sposi - Don Abbondio al bivio

Non importa quanto calcolato sia il nostro cammino, quanto abituale e distratto, quanto programmato ad evitar sorprese... inattesa arriva la vita, il momento di fare una scelta, il bivio, la responsabilità della nostra libertà... una situazione quasi dantesca, questa ricreata da Manzoni: un uomo, un incontro, una scelta da fare; due strade, salita e discesa, al centro, il monito di una cappella di campagna, raffigurante le anime del purgatorio, la nostra debolezza, l'imperfezione con cui fare i conti quotidianamente...


Dopo la voltata, la strada correva diritta, forse un sessanta passi, e poi si divideva in due viottole, a foggia d'un ipsilon: quella a destra saliva verso il monte, e menava alla cura: l'altra scendeva nella valle fino a un torrente; e da questa parte il muro non arrivava che all'anche del passeggiero. I muri interni delle due viottole, in vece di riunirsi ad angolo, terminavano in un tabernacolo, sul quale eran dipinte certe figure lunghe, serpeggianti, che finivano in punta, e che, nell'intenzion dell'artista, e agli occhi degli abitanti del vicinato, volevan dir fiamme; e, alternate con le fiamme, cert'altre figure da non potersi descrivere, che volevan dire anime del purgatorio: anime e fiamme a color di mattone, sur un fondo bigiognolo, con qualche scalcinatura qua e là. Il curato, voltata la stradetta, e dirizzando, com'era solito, lo sguardo al tabernacolo, vide una cosa che non s'aspettava, e che non avrebbe voluto vedere. 

L'altrui prepotenza, un atteggiamento universale, che sian "bravi" o bulli è violenza ostentata, a mo' di gioiello:

Due uomini stavano, l'uno dirimpetto all'altro, al confluente, per dir così, delle due viottole: un di costoro, a cavalcioni sul muricciolo basso, con una gamba spenzolata al di fuori, e l'altro piede posato sul terreno della strada; il compagno, in piedi, appoggiato al muro, con le braccia incrociate sul petto. L'abito, il portamento, e quello che, dal luogo ov'era giunto il curato, si poteva distinguer dell'aspetto, non lasciavan dubbio intorno alla lor condizione. Avevano entrambi intorno al capo una reticella verde, che cadeva sull'omero sinistro, terminata in una gran nappa, e dalla quale usciva sulla fronte un enorme ciuffo: due lunghi mustacchi arricciati in punta: una cintura lucida di cuoio, e a quella attaccate due pistole: un piccol corno ripieno di polvere, cascante sul petto, come una collana: un manico di coltellaccio che spuntava fuori d'un taschino degli ampi e gonfi calzoni: uno spadone, con una gran guardia traforata a lamine d'ottone, congegnate come in cifra, forbite e lucenti: a prima vista si davano a conoscere per individui della specie de' bravi.


2 commenti:

  1. Ogni tanto penso di leggere i promessi sposi a mia figlia, ho trovato una versione per ragazzi lei ha 10 anni. La sera siamo abituate a leggere letture poco più per grandi ed io le leggo a voce alta. Che dici?

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails