Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

lunedì 28 febbraio 2011

Cosa ho imparato...

Durante l'attesa di Letizia ho intuito la profondità dell'essere mamma, ho appreso la bellezza di una preghiera, ho scoperto la felicità racchiusa nella lentezza  e l'importanza di una testimonianza... ho sorriso in panni non miei, ho iniziato, quando ancora eravamo una cosa sola, a sperimentare quella rinascita quotidiana che è la maternità... 

Con Diletta sto scoprendo la passione per la maglia, per il cucito e per la creatività, la gioia di vincere la pigrizia e godere di piccole, ormai irrinunciabili, abitudini quotidiane


Ho imparato a bere il caffè senza zucchero e scoperto che un dolcetto a settimana può essere un appuntamento più gratificante di un peccato di gola al giorno...



In questa attesa trovo raccoglimento e nuovi spazi...



ascolto ninne nanne e... aspetto l'inizio di questa nuova, appassionante avventura a quattro...

venerdì 25 febbraio 2011

Magliamania 2

Finalmente, dopo scaldacollo, cappellino e scarpette-esperimento per neonata... Ho finito il soprabito per Letizia!!!!
Ecco, a dirla tutta, non è che io, al quarto lavoro di maglia della mia vita, mi sia proprio spontaneamente lanciata in questa impresa... alcune di voi già lo sanno... il cappottino doveva essere... una sciarpa per il marito! Poi ci si è messa la mia totale inesperienza con i filati che mi ha fatto scegliere, nel vasto repertorio, l'unica lana scura a disposizione, risultata... inequivocabilmente femminile! Dopo averne lavorato un intero gomitolo... potevo forse disfare tutto? 
E così, di improvvisazione in improvvisazione...


Mancano ancora i bottoni e questo spiega l'aria "pencolante" da un lato (i difetti ci sono ma le due metà le ho fatte uguali, garantisco;-)!)... Quanto all'effetto sulla modella... diciamo che è risultato un cappottino "per la crescita"... che dite,  per il prossimo autunno sarà perfetto... vero :-D?




E ora si inizia a studiare sul serio... beh, finchè la pancia resterà tale, almeno ;-):






martedì 22 febbraio 2011

Solo noi due

"Mamma" è la prima parola che pronunci al mattino, "mamma" è l'ultima invocazione della sera: in questi giorni mi vuoi sempre con te, bambina mia, e quasi rinunci al sonno, in uno stato di allerta continua... "Mamma, cosa facciamo?", "Mamma, mi sei mancata", "Mamma, giochi con me? Giochiamo a palla?"... Mi afferri il braccio a tavola, improvvisamente coccolona ti stringi a me... mi contesti e fai dispetti di proposito... ma se mi vedi in difficoltà ti precipiti a consolarmi... Mi vuoi onnipresente nei tuoi giochi, mi cerchi in continuazione... 
E io a volte mi sento persa, inadeguata a risponderti sempre col sorriso, desiderosa di quelle due orette di pausa a metà giornata, o alla sera, prima che gli occhi facciano fatica a restare aperti... 
Però stasera, mentre ti accompagnavo esasperata a fare l'ennesima pipì ho realizzato quello che tu avverti da tempo, Amore mio, con il timore inconsapevole dei tuoi due anni... che questi sono gli ultimi giorni, proprio gli ultimi, solo per noi due, gli ultimi attimi di quel rapporto esclusivo che abbiamo coltivato con intensità d'Amore e parole e contatto per 27 mesi... 
Poi, poi ci sarà un grande dono... e un grande cambiamento... tanto amore in più ad avvolgerci ma anche qualche rinuncia... 
E così vengo ad annusarti, mentre dormi, a sussurrare a te e a me stessa che andrà tutto bene e che saremo sempre noi, noi due, Piccola mia, anche se dovremo stringerci -e crescere- un poco...



lunedì 21 febbraio 2011

Alchimia d'affetto

Non so spiegarvi (ma in fondo so che non ce n'è alcun bisogno!) l'alchimia d'affetto che mi unisce a molte di voi, anche se ci conosciamo solo virtualmente... E' questa che mi lega a Chiara, è questa che ha trovato conferma nelle dolcissime parole del suo biglietto, nell'amore con cui ha confezionato con ogni cura gli specialissimi doni del suo giveaway...


Quando ho visto questi pacchetti è stata subito emozione, pensiero volato ai suoi ultimi giorni di pancia, a questo video, ai suoi disegni... alla mia pancia di ora, molto meno elegantemente dipinta dalla natura ;-)... E poi la fragranza della lavanda ha inondato l'armadio delle mie bimbe, l'uccellino fiorito è stato subito amorevolmente accolto e nutrito da Letizia... 


Il porta-fazzoletti mi fa sentire elegante e mi segue ovunque e...

E... c'è Clementina, ormai quinto membro della famiglia! Chiara in questo è stata anche un po' "fatina dei desideri", perchè era tanto che pensavo di cimentarmi nella produzione di pasta madre ma non trovavo il coraggio... ed è arrivata lei, la figlia della sua pasta madre... e con lei le prime ansie di mamma :-D (starà bene? Avrò fatto come si deve il rinfresco?), le mail a raffica alla povera amica blogger :-),  gli sguardi furtivi dentro il forno e il frigorifero... e le prime, grandi soddisfazioni: le frittelle di pasta madre che hanno conquistato il maritino (che si è subito assunto l'incarico di rinfrescare Clementina durante la mia futura permanenza in ospedale :-)):

... e le prime pizze!!


Grazie grazie grazie Chiara, per questi tesori... per le preziose ricette "a misura di mamma" con poco tempo a disposizione e per gli innumerevoli consigli!

venerdì 18 febbraio 2011

This moment

Guardando il Festival...

A Friday ritual. A single photo - no words - capturing a moment from the week. A simple, special, extraordinary moment. A moment I want to pause, savor and remember. 

Benigni... e i professori

Mi ha emozionato, fatto commuovere, appassionato. Come è successo a tutti, credo, ieri sera... 

Però.

Però non venitemi a dire che gli insegnanti dovrebbero essere come Benigni. Questo no. 

Perchè, vi assicuro, non trovereste una classe che starebbe a sentire più di quindici minuti senza allarmarsi ("Va troppo in fretta! Ma vuole spiegarci tutto il libro in un giorno? Non riusciamo a prendere appunti! Ma a che pagina studiamo queste cose?") una "lezione" così densa di contenuti, di riferimenti, di salti logici, di allusioni. E questo non perchè "i ragazzi di oggi" siano delle "capre", ma perchè gli insegnanti con i contenuti devono trasmettere competenze e un metodo, alla portata di tutti e su misura per ciascuno.

La passione sì, quella ci vuole, proprio spudorata come la sua... la passione per quello che si insegna, per l'insegnamento in sè e proprio per quei ragazzi che spesso ti subiscono assonnati e hanno ben altre priorità a fronte del tuo Catullo... La passione... che diventi capacità di farlo magicamente combaciare, quel Catullo (ok, ammetto me la sono scelta facile ;-)), con le loro priorità ...

E in questo può aiutare anche lo spettacolo, perchè, grazie a Benigni, forse sembrerò meno ridicola quando domani spiegherò che la divina Commedia è una lezione d'Amore o non sembrerò così fuori luogo quando parlerò di Amor patrio... ma lo spettacolo non basta nella quotidianità di un mestiere che, vi assicuro, è difficilissimo... un mestiere che va scelto, ogni giorno, che non può essere ripiego... e questo, purtroppo e per fortuna, al di là di qualunque riforma possibile, dipende dalle persone.

mercoledì 16 febbraio 2011

Cucina vegetariana 3

Grazie a Luby ho scoperto che potrei definirmi flexitariana... ma la verità è che sono soprattutto curiosa e adoro sperimentare: dalla cucina gluten free a quella vegana, a quella vegetariana, soprattutto da quando sono mamma e ho scoperto tanti ingredienti e tante alternative di cui ignoravo l'esistenza! Così, dopo il primo e secondo esperimento documentati (quelli reali sono all'ordine del giorno :-)!), stasera, per la rubrica "Cosa bolle in pentola" di JsP, un menù vegetariano dal sapore tutto invernale: polpette di fagioli borlotti con contorno di cavolo romano al vapore e patate al forno... et voilà:


Le polpette sono nate dall'improvvisazione con: 
-due scatole (scolate del liquido) di fagioli borlotti insaporiti in padella con un filo d'olio, uno spicchio d'aglio e un po' di passata di pomodoro e frullati
-un uovo
-un cucchiaio di farina
-pangrattato e grana q.b.

Ottenuta la consistenza giusta, ho modellato le polpette e le ho passate nel preparato per panature (ne ho trovato uno fantastico senza grassi, uova a parte)... le ho cotte 15 min. circa nel microonde con funzione crisp e un filo d'olio, ma penso che, aggiustando i tempi, vengano bene anche nel forno normale... Anche questo è relax :-)!


 Approvate!



martedì 15 febbraio 2011

Cinque consigli per rimandare il momento della nanna...

Sì, avete letto bene, questo in realtà è un guestpost...  E' Letizia che digita:
  • Aiutate con entusiasmo la mamma a sistemare la cucina dopo cena, non potrà allontanarsi furtiva  accampando scuse di pulizia mentre voi siete sul punto di cedere al sonno nel vostro letto.  
 
  • La pipì è un prezioso alleato: si sa, le mamme temono il letto/piumone bagnato, i cambi di biancheria nel cuore della notte, i relativi sensi di colpa; quando ormai siete nel letto potete rivendicare il pipì-diritto (non più di due volte e non troppo ravvicinate) attardandovi "in trono" il tempo di due o tre fiabe supplementari, eventualmente autogestite... Se mamma si assenta, potete, in tale frangente, sbizzarrirvi a fare magie che prevedono volo di libri per la stanza e apparizioni di bruchi-cartaigienica sul pavimento...
  •  L'acqua: richiesta -ovviamente per voi e per tutti i coniglietti/cavallini che popolano il materasso- che verrà soddisfatta a oltranza finchè il sonno non vi coglierà inesorabilmente;
  • le preghiere: arrivati al momento dei "Grazie Gesù" potete prendere l'iniziativa (la cosa intenerisce molto le mamme) e, a quel punto, iniziare a ringraziare per: mamma e papà, la sorellina, i nonni (tutti rigorosamente per nome), le zie... la matita, la punta della matita e la penna... e la punta della penna... e l'agenda... e i fogli dell'agenda...
  • Le coccole, infine: se esistono mamme capaci di resistere a i vaghi richiami pre-nanna, non c'è mamma che sappia rimenere indifferente a un: "Mamma, mi abbracci???"
***
-Ecco fatto. Vediamo: opzioni post... pianificato... 
-Leti, che fai qui, vicino al computer di mamma?
-Niente, mamma, andiamo a nannào, mi conti una (s)toria?

venerdì 11 febbraio 2011

This moment

 
 
A Friday ritual. A single photo - no words - capturing a moment from the week. A simple, special, extraordinary moment. A moment I want to pause, savor and remember. 

giovedì 10 febbraio 2011

Dettagli...



Avete indovinato di che si tratta?
Esatto, ERA il porta-rotoli di carta igienica :-D

mercoledì 9 febbraio 2011

A pranzo... nella prateria!

Sono una compratrice compulsiva di libri di ricette, ma poi, sempre, le migliori le trovo da voi, e, guarnite con un tocco d'improvvisazione, ci regalano pranzetti gustosissimi! Ed ecco che, dopo i cannelloni di Anna e gli altri esperimenti culinari... ieri abbiamo mangiato francese!

La farina trovata al volo nel supermercato sotto casa...


E' bastato prendere un po' la mano...


e con il formaggio di montagna nel ripieno aggiungere un tocco...


...di improvvisazione:


 Et voilà:


Inutile dire che sono state graditissime, grazie Claudia!



Questo post partecipa alla rubrica "Cosa bolle in pentola" di JsP!

martedì 8 febbraio 2011

Tra streghe e fate... come proviamo a gestire l'insuccesso

Da qualche tempo Letizia si scoraggia molto facilmente quando qualcosa non le riesce al primo colpo... "Mamma, fai tu che Letizia non è brava!"... di fronte alla difficoltà a pedalare sulla macchinina che le ha proposto il papà ha addirittura avuto una crisi di pianto... 
Da insegnante mi hanno sempre spaventato quei ragazzi che non riaffrontano neppure una volta un esercizio non riuscito, che si barricano dietro una facciata di indifferenza e disinteresse... 
Da mamma ho riso sin da subito dei miei pasticci di fronte e insieme a Letizia: "Vedi? Anche mamma fa  pasticci!"... 
Però evidentemente questo non basta... Mi sono messa in discussione: forse i "brava" con cui penso di incoraggiarla la condizionano?
Leti è impetuosa, come tutti i bimbi; spesso le ricordo che, come dice il nonno di Heidi ;-), nelle cose ci vuole pazienza... e spesso lei lo ricorda a me :-D...  
Allora ho pensato di renderla più tangibile, questa pazienza... e sono nate e nostre fatine: "Pazienza e Costanza", quelle che chiamiamo quando non ci riesce qualcosa, quelle che chiamiamo per contrastare le brutte streghe "Fretta e Furia" che tanto spesso ci ostacolano... 

Fretta...
...e Furia

Spero che questo non induca Letizia ad attribuire a qualcosa al di fuori di lei i suoi successi e insuccessi; piuttosto, la guidi nell'interiorizzare pian piano i concetti... e le mostri come non c'è nulla di male a chiedere aiuto senza sentirsi inadeguati... 
E voi? Avete riscontrato lo stesso problema con i vostri bambini? Come lo gestite?

lunedì 7 febbraio 2011

Sette anni fa...

... un appuntamento, una cioccolata calda in centro, una prova di guida, una colonna sonora... e il primo bacio...
La mia più grande ricchezza, sette anni di noi, nata da una scommessa persa... Ti Amo, per sempre e un giorno!


venerdì 4 febbraio 2011

This moment

 
A Friday ritual. A single photo - no words - capturing a moment from the week. A simple, special, extraordinary moment. A moment I want to pause, savor and remember. 

mercoledì 2 febbraio 2011

Raccoglimento

Mi sento tesa come una corda di violino, negli ultimi giorni... attesa, pensieri, l'armadio "delle bambine", la commozione nel ritrovare le prime tutine di Letizia... emozioni, paure... e bisogno di raccoglimento, di ascoltare il mio corpo, la mia pancia, questa bimba che mi accarezza "da dentro"... bisogno di relax... 
Starò un po' meno qui, davanti allo schermo, e un po' più qui:


E' il mio angolo (per te, Simo!) da quando ero piccola, in quella che è stata la camera da letto dei miei genitori e ora è la nostra... qui venivo a leggere da adolescente, accoccolata vicino al termosifone, qui aspettavo di veder passare, sulla strada, quel chitarrista distratto che ancora non si era accorto di me :-), da qui, da questa finestra, ancora oggi lascio spaziare il mio sguardo preferito sul mondo, quando sono assorta... E ora mi rifugio qui, come il bruco che si chiude in crisalide, nell'attesa di trasformarsi in farfalla... mentre un pezzetto di futuro, i bodies di Diletta, mi si asciuga accanto :-D!




LinkWithin

Related Posts with Thumbnails