Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

martedì 2 novembre 2010

Sorella morte

Onnipresente compagna di viaggio… a volte ci sfiora, passanti frettolosi e distratti, a volte ci travolge, richiamandoci a noi stessi, alla vita, severa, con il suo sferzante vento di dolore, di domande… e quel sentimento amaro di impotenza… non di fronte a lei che, nostra unica certezza in questo viaggio imprevedibile e affascinante che è la vita, non può essere MALE, ma di fronte al dolore che il distacco provoca, lacerante. Non servono né bastano parole.
Stride il discorso, in questi giorni di festa, ma lei è qui: improvvisa sconvolge.
Un solo pensiero, forse, può consolare: quando verrà per me, come voglio che continuino a vivere le persone che amo? Certo non vorrei che nessuna vita fosse rovinata dalla mia assenza, li vorrei sapere felici, nonostante tutto.
Tempo fa ho scritto ad un amico queste parole… le ho ritrovate in questi giorni, ancora presenti, attuali, al mio cuore: non credo che importi, quando si vola oltre il cielo, morire in un giorno di sole o di pioggia... non quanto importa avere accanto le persone amate, essere certi del loro amore e aver potuto dir loro il tuo; credo che importi, dopo e nonostante tutto, esserci stati, in questa vita di gioie e dolori, di significati difficili e sempre, per forza di cose, incompiuti; credo che importi averlo cercato, un senso, e averlo trovato nelle gioie, piccole e grandi, che abbiamo costruito o che ci sono arrivate, inaspettate; spero che importi, soprattutto, aver dato qualcosa di sè ad ogni creatura incontrata e aver preso da essa un po' di quello che siamo; credo che, infine e in principio, conti la speranza che quello che abbiamo lasciato alla vita e a chi abbiamo amato sia un credito di felicità che possa lenire il dolore e crescere, sempre e nonostante tutto.

6 commenti:

  1. ciao, le tue parole si adattano perfettamente alla pioggia di questi giorni. sono molto toccanti e molto sagge, fanno riflettere ...

    RispondiElimina
  2. Da quando ho i figli, la mia paura più spaventosa è quella che debbano restare senza di me. Nessuno dovrebbe sentirsi indispensabile, eppure... mi sembra che in una società come la nostra il vuoto non possa essere colmato da altre figure, non so se mi spiego...

    RispondiElimina
  3. Come sempre dolcissima e preziosa.

    RispondiElimina
  4. Ciao!
    Scusa tantissimo l’effetto “spam”, ma siamo in poche e abbiamo pochissimo tempo per avvisare tutti di un’importante iniziativa food-blogger contro l'omofobia!
    Trovi tutte le info qui e
    qui!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails