Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

giovedì 9 settembre 2010

Ritratti di varia umanità in un venerdì pomeriggio (epico) all’Ikea


C’era la coppia anziana, spinta lì dalla curiosità e dalla magra pensione: si guardavano intorno smarritinon comprendendo come un mobile potesse essere venduto separatamente dalle sue ante.
C’erano i gruppi di amiche: le incontravi estasiate tra gli scaffali con i carrelli stracolmi di candeline profumate, 
 le ritrovavi litiganti al servizio clienti mentre cercavano di restituire i pacchi che –ovviamente- non entravano in auto o, in alternativa, sbuffanti nel parcheggio mentre tentavano invano di far entrare in una Smart un etnico e sibillino fascio di rami di faggio da arredamento (?!) alto 2m… 
C’era la coppia di amici sorridenti e soddisfatti , rari esemplari di uomo-ikea (quello che si diverte e si attarda tra gli scaffali più delle donne): eccezioni che confermavano la regola del più diffuso esemplare di uomo-odia-ikea  o ragazzi alla prima esperienza nel magico microcosmo svedese… propendo per la seconda ipotesi avendoli ritrovati smarriti nel parcheggio dove non si capacitavano del fatto che certi pacchi non entrassero neppure in una Multipla… 
C’erano poi le coppiette in attesa di bebè,  che si aggiravano sognanti tra gli articoli per bambini, in preda ad una sindrome da acquisto compulsivo della cui portata si sarebbero rese conto solo giunte alle casse. Saranno gli stessi  genitori che, tra qualche anno, ritroverete intenti a rincorrere i pargoli tra gli scaffali, pontificando sulla necessità di “scegliere un solo giocattolo”.
C’erano, ancora, le coppie senza figli alle prese con la difficile-arte-del-dialogo-e-del-compromesso-in-situazioni-di-tensione; qui il maritino ed io abbiamo anni fa distanziato di molti punti i presenti:  dopo un anno di tirocinio matrimoniale e settimane di preparazione  armati di metro, catalogo e Ikea planner, dopo aver annoverato, nelle precedenti puntate
  1. mobili dell’angolo delle occasioni smontati dal maritino nel parcheggio per il trasporto (ancora si vanta di essere l’unico uomo che ha dovuto smontare i mobili dell’ikea subito dopo l’acquisto ma vi risparmio l’originale colonna sonora dell’operazione; 
  2. pacchi aperti in loco e viaggio con armadio-bagno disteso tra i sedili e parzialmente dimenticato in negozio (ce ne siamo accorti a metà strada … per la colonna sonora vedere sopra)
 abbiamo completato l’arredamento della “stanza ibrida”, elevata al rango di “stanzamusicaestudio”; unico imprevisto, al tempo, il modello di scrivania… meno male che esistono i mariti, gli unici in grado di dimenticare le considerazioni estetiche per accorgersi  che un mobiletto porta pc di 73 cm di altezza non entrerà mai sotto una scrivania di 69 cm di altezza e soprattutto determinerà la morte per surriscaldamento del pc in poche settimane… 
C'eravamo noi, oggi, i trettrè, col papà che, di rito, provava tutte le poltrone , Letiziache lo seguiva a ruota ma poi sospirava: "E' ancora picciola per chesta, Letizia, papà!" e mamma che ha desiderato intensamente trasferirsi a vivere all'Ikea... perchè non c'era un ambiente che non mi piacesse, perchè all'Ikea la polvere non si deposita, perchè passano migliaia di persone e bambini ma sembra sempre tutto in ordine, perchè Letizia si accomodava tranquilla a giocare nell'angolo bimbi ricavato in ognuno dei salotti e io avevo l'illusione che avrei potuto vivere comodamente anche in 30 mq... perchè ci sono cucine fantastiche con l'isola, come le sogno da una vita, perchè non dovrei scegliere quali tazze portarmi a casa ma potrei usarle tutte... Leti , dal canto suo, mi assecondava proclamando, in ogni ambiente, "Chesta è mia casa!"... Tutta la sua mamma :-)!
Però sono stata brava e ho resistito alla tentazione di portarmi a casa tutte le nuove verdurine e i dolcetti e la frutta di stoffa per i bimbi... e la fattoria in scatola... e la mini-cucina con accessori... 
Ma ai gessi colorati non ho saputo rinunciare... così come il papà ai trattori di stoffa e Letizia al rumorosissimo "rotolino" con cui ha girato per tutta l'esposizione... e nell'angolo delle occasioni ho coronato il mio sogno con una borsa da lavoro verde fosforescente e un dondolo per Leti...
Giornata epica, dicevo, tra tanta umanità … condita, ovviamente, con le immancabili polpette svedesi (per mamma e papà...) e pasta bio, yogurt e spremuta per Letizia!
 
Alla prossima spedizione!
 

27 commenti:

  1. Se ti scopre l'ufficio mkt dell'ikea ti assume subito dopo questa dichiarazione d'amore!

    RispondiElimina
  2. ahah che ridere...a casa mia siamo il contrario..io ci vado ma quando mi serve una cosa specifica vado compro e giretto veloce mentre mio marito e del raro tipo uomo-ikea ama guardare, girare e a volte si dilunga anche troppo uff ahahahah
    baci a lety
    Antonella

    RispondiElimina
  3. Troppo carino questo tuo post! Bravissima :-)
    Anche io Ikea fan!

    RispondiElimina
  4. come ti capisco... io anche mi trasferirei all'IKEA!
    a me hanno dedicato un fiordo per tutti i soldi che ho speso in quel paradiso!!!!!
    I love Ikea
    Ikea for ever!

    RispondiElimina
  5. ahahahhaah, splendidi camei...

    RispondiElimina
  6. ehi questa si chiama pubblicità!!! io adoro l'ikea. entro con 5 cose che vorrei comprare ed esco con 10 cose più mille spunti e idee...e mio marito monta...e mio marito non mi ci vuole più portare perchè è sicuro che spendo! mi hai fatto troppo ridere (ma con le lacrime) quando hai scritto "meno male che esistono i mariti, gli unici in grado di dimenticare le considerazioni estetiche per accorgersi che un mobiletto porta pc di 73 cm di altezza non entrerà mai sotto una scrivania di 69 cm di altezza e soprattutto determinerà la morte per surriscaldamento del pc in poche settimane… "

    RispondiElimina
  7. ecco, io devo implorare mio marito per farmi portare all'ikea!!! aspetto speranzosa che ne mettano uno anche nella nostra città!

    RispondiElimina
  8. ah ah! fantastica descrizione!!!! mooooolto vera!!!! Però che brava.. sei riuscita a non esagerare!!!! :-)
    Bacio

    RispondiElimina
  9. Tuo marito ti chiama "Rottamatt" ? Bhè, il mio "Monnezzara" !.... :) :)
    E me ne vanto!
    E digli, al tuo, che sai quanti ne ho smontati e caricati io, da sola, di mobili ex Reparto Occasioni, quando ancora non c'era la comodissima pedana rialzata e moquettata?

    Baci!
    DaniVS

    RispondiElimina
  10. hi,hi queste giornate all'ikea mi fanno sganasciare!però il tuo maritino ha pazienza!bravo!buon week end

    RispondiElimina
  11. io ci andavo sempre con mio fratello, all'entrata ci riempiavmo la borsa di matite, e sul foglietto annotavamo il numero di coppie in attesa, e il numero di coppie gay (cosa dicevi sugli uomini all'ikea?).
    poi ci buttavamo sui divani, e giocavamo nelle cucine.
    infine, all'uscita, compilavamo meticolosamente mille moduli di reclamo.
    era bellissimo, meglio del luna park. peccato ora si lavori sempre.

    RispondiElimina
  12. mia cara mettiti in fila!
    per andare ad abitare all'ikea c'è la fila come per le case popolari!
    è un sogno di tutte le donne credo...
    io ,ai nuovi dolcetti di stoffa non ci rinuncio,e non ho bambini...eh eh eh!

    RispondiElimina
  13. @Ruben e Fausto: dovrebbe, vero? Ebbene, no... amore incondizionato e non corrisposto... visto che hanno eliminato dall'assortimento le sedie arancioni proprio quando avevo deciso di comprarle per la mia cucina (e Roby sa come sono conciate quelle della mia cucina dopo aver convissuto con 4 gatti per un certo periodo)... e il servizio clienti non mi ha neanche risposto alla mail in cui chiedevo se avevano qualche fondo di magazzino, tradimiento ;-((
    @Tutte: ok, ho capito, fondiamo una comune all'Ikea... o almeno ci organizziamo un raduno blogger :-))

    RispondiElimina
  14. eh, ikea piace anche a me !! La borsa da lavoro verde mi sfugge... però non mi sono lasciata sfuggire le verdure in stoffa ;)

    RispondiElimina
  15. sedie arancioni? hanno fatto bene.... :-))

    RispondiElimina
  16. I love IKEA!!
    Quella catena crea la dipendenza!

    RispondiElimina
  17. I giochini di stoffa ho dovuto staccarmeli dalle mani a forza! Il rullo lo hanno regalato i miei a Belvetta che non camminava nemmeno e la mini-cucina prima o poi sarà mia!!!!
    I LOVE IKEA!

    RispondiElimina
  18. Ciao Lory! Capito per la prima volta sul tuo blog :)
    Riguardo l'Ikea ti posso dire che io l'ho presa in odio e quindi sono un raro esemplare della donna-odia-ikea...
    C'é un motivo: il mio ragazzo la ama alla follia e quando andiamo è snervante stare lì un giorno intero (soprattutto nell'"Angolo delle occasioni"....il suo preferito....
    Un bacione ;)

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. perfido? ma no, pensa che l'IKEA piace da morire anche a me... ma son quelle cose che un uomo non può dire...

    RispondiElimina
  21. è stato per tanto tempo il nostro mondo meraviglioso... da un po' di tempo non ci si va più ... casa è già pienissima e le cose saltano nel carrello da sole! Perciò ci asteniamo!!!

    RispondiElimina
  22. @Ginger e Tatina: benvenute!
    @Ginger: è una strategia che ha messo in atto anche mio marito, si è messo addirittura a controllare tutte le misure dichiarate sui cartellini... ho giurato di non tornarci più... solo per i dieci giorni successivi, però ;-)
    @Tatina, perchè voi siete saggi!! (o perchè, come noi, prima che nascesse il pupo avete comprato tutto il necessario fino ai 18 anni ;-)?)
    @RJ: ovvio, anche per me è solo questione di tempo ;-)
    @Jole: sottoscrivo :-)
    @Fausto: evviva la sincerità ;-)! Poi puoi ufficialmente sostenere che ci vai solo per le polpette, come fa mio marito :-D!

    RispondiElimina
  23. Che spettacolo questo post con tutte le faccine!
    ottimo per qualche minuto di pausa in ufficio.
    meglio del caffè!

    RispondiElimina
  24. W GINGER...
    Comunque l'unica volta che sono andato all'ikea da solo è stato per comprare un regalo di Natale a mia moglie...tempo di permanenza: 8 minuti netti pipì compresa...
    Il mio odio verso l'ikea è direttamente proporzionale al tempo di permanenza!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails