Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

mercoledì 30 giugno 2010

C'era una volta...

…una bambina che, un bel giorno, ricevette in dono una grande bambola di stoffa. La sua mamma la trovò subito bruttina ma per la bimba fu amore a prima vista: non se ne separò più. Bimbina (questo il nome della bambola) da quel giorno la seguì ovunque, sempre presente in ogni foto, in ogni avventura, in ogni viaggio… la mamma della bambina dovette rassegnarsi, provò ad abbellire la bambola ricamandole ciglia e sopracciglia; arrivò anche, con grande pazienza, a confezionarle vestitini… soprattutto, ne fu voce e pensiero durante tutti gli estenuanti viaggi in auto…
Anno dopo anno, Bimbina vide crescere la sua padroncina, ma l’affetto che le legava non venne meno… al punto che quando la bambola fu reclamata a gran voce da una cuginetta treenne, fu sacrificato alla causa un altro giocattolo…
Un brutto giorno, però, la mamma della bambina, che era divenuta nel frattempo ragazza, pensò di arginare il trascorrere del tempo lavando Bimbina in lavatrice… l’esperimento non riuscì e, sotto lo sguardo impotente della sua padrona in lacrime, Bimbina finì tra i rifiuti…
Ma ci sono storie destinate a continuare oltre il tempo…
E così, accadde che Bimbina tornò. Fu un attimo, lo sguardo distrattamente lanciato, durante una passeggiata col fidanzato, alla vetrina di una cartoleria che svuotava il magazzino in vista della prossima chiusura… Tra altri vecchi giocattoli uno sguardo noto, era proprio Bimbina!! Certo, un po’ diversa; mancava il velcro alle manine; e i due dentini della prima edizione… e questa volta ci avevano pensato i produttori alle ciglia… ma era comunque lei!
La bambina di un tempo non ebbe tuttavia il coraggio di cedere al desiderio puerile di riabbracciare la sua bambola… fu il suo fidanzato, che leggeva nel profondo del suo cuore come nessun altro mai, a presentarsi, il giorno dopo, con un pacco regalo dal contenuto speciale… la bambola e la bambina si erano ritrovate!
Inutile dire che la bambina di un tempo quel fidanzato se lo sposò e dopo poco più di un anno di matrimonio i due ebbero una bellissima bimba… Bimbina restò nella loro casa di sposi, nell’armadio delle coperte, ancora semichiusa nella carta regalo… fino a quando la bambina di un tempo, indecisa su cosa fare, decise di ritirare finalmente le coperte di un inverno durato fin troppo a lungo… e fu così che se la ritrovò tra le mani, la sua Bimbina… e non ci pensò due volte a tirarla fuori dalla carta e a farla accomodare sul triciclo che troneggiava nell’ingresso in attesa della sua Letizia… e
fu così che… questa storia conobbe un nuovo inizio:




17 commenti:

  1. Ma che dolce questa storia ^^ e che belle che sono Letizia e Bimbina insieme! un abbraccio :D

    RispondiElimina
  2. Che bello ritrovare un ricordo tanto caro... e poterlo condividere con la propria figlia!!!!
    Ma soprattutto... avanti il maritino!!!!!
    Baci

    RispondiElimina
  3. come farmi commuovere.. sniff :)

    RispondiElimina
  4. hai ragione..bimbina è bruttina...ma che tenerezza!
    tu,bimbina,tua figlia!
    siete una favola a lieto fine ^_^
    io ho una tartaruga di pezza con il collo tutto rattoppato,macchiata d'inchiostro(ancora non ho trovato il colpevole...)e anche lei è bruttina!
    siamo nostalgiche...ecco il problema!

    RispondiElimina
  5. Uao, che bella storia, hai fatto bene a sposarti un tale fidanzato, ottima scelta:)

    RispondiElimina
  6. ma che meravigliosa storiella... bello il ritrovo della bambolino e speciale che ora sia tra le braccia della tua spettacolare bimba... :-) bello bello

    RispondiElimina
  7. Mi sono commossa anch'io nel leggere questo bellissimo post!!
    Bellissima la tua piccola Letizia :)

    p.s.
    ti rispondo qui alla tua domanda sul dado:non c'è bisogno di aggiungere acqua, provalo e vedrai che soddisfazione ad usarlo ogni volta ;)
    Baci!!

    RispondiElimina
  8. @Laura: lo sarà sicuramente, grazie grazissime!!
    E grazie @tutte per aver partecipato alla nostra storia :-)! Vi racconterò se toccherà anche a me dar voce a Bimbina per lunghi, interminabili viaggi (povera la mia mamma!):-))

    RispondiElimina
  9. ma che bella questa storia..io ho ancora un orso (per dire la verità messo male) e guai a chi me lo tocca. Ma quel amore sconfinato che descrivi vedo tutti i giorni negli occhi del mio figlio quando guarda il suo Kinky. per i bambini loro sono reali quanto lo è ogni altro amico umano, non ci sono differenze. io mi commuovo ogni volta quando il mio figlio mi dice "mamma sai di notte Kinky diventa vivo e si diverte proprio qui in camera mia" . e un po ci credo pure io...

    RispondiElimina
  10. bellissima favola di vita..un caro sorriso e tanti tanti complimenti a te..

    ..njara

    RispondiElimina
  11. che bella storia... :)
    e che bella letizia! bimbina invece...diciamo che è un tipo! :))))

    RispondiElimina
  12. uhhhhh che dolce questa storia...proprio bella! :-)

    RispondiElimina
  13. ma bella questa storia!
    mi ricorda un po' il mio orso Billi che il cane ha divorato!!! arghhhhh

    RispondiElimina
  14. una storia veramente molto tenera.....

    RispondiElimina
  15. Che tenerezza!!! Anch'io ho provato a regalare una bambola ad Orlando ma non ha attecchito. Letizia invece ha una vera sintonia con la sua bambola, è bellissimo!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails