Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

martedì 13 aprile 2010

Yogurt di capra

La necessaria premessa è che adoro i prodotti a base di latte di capra: per me hanno il sapore dell’infanzia, del mare, delle vacanze trascorse, bimba di cinque anni, in una casetta in Calabria arrampicata sui monti e affacciata sul mare… ricordo il faro di Messina che occhieggiava di sera e mio padre che friggeva il pesce per me che glielo rubavo dal piatto e correvo per tutta la casa, ricordo la sveglia alla mattina al suono delle campanelle delle capre che un pastore guidava sotto le nostre finestre… ci vendeva il formaggio… e quel sapore si è incastonato nella mia memoria come uno dei ricordi più preziosi e cari…

Ecco, da qualche anno ho riscoperto quel gusto, i prodotti a base di latte di capra sono entrati nella grande distribuzione e ho avuto modo di sperimentare il buonissimo yogurt di capra… che prezzi, però! Un vasetto costa quasi 1 Euro e 50 centesimi!

Inutile dire che, non appena ho iniziato a produrre lo yogurt da me, ho accarezzato il proposito di sperimentare l’autoproduzione con latte di capra… e sono felice di annunciare che l’esperimento è perfettamente riuscito!

Ho trovato il latte di capra a lunga conservazione (preferisco usare il latte UHT perché la sterilizzazione cui viene sottoposto, pur rendendolo meno nutriente, garantisce l’eliminazione di quei batteri che possono compromettere la proliferazione dei fermenti… e, in sostanza, consente una produzione più rapida, senza rendere necessaria la bollitura del latte) ma parzialmente scremato, poco adatto per la produzione dello yogurt… così ho miscelato 1/3 di latte di capra con 2/3 di latte vaccino intero… il risultato è uno yogurt dall’inconfondibile aroma caprino, ma molto delicato! Un bontà che non è più un lusso!

http://emigrationfordummies.files.wordpress.com/2009/10/capra204.jpg

10 commenti:

  1. I prodotti a base di latte di capra non li ho mai mangiati, però lo yogurt fatto in casa si! Mia mamma lo faceva sempre quando io e mia sorella eravamo piccole. Usava i fermenti che le aveva dato un'amica, sembravano dei vermicelli corti e cicciotti. Dovevano stare immersi nel latte per 24 ore poi si filtrava il siero con un colino e dopo avere buttato via questo liquido giallo si procedeva a girare con un cucchiaio i fermenti e dal colino usciva lo yogurt. Si metteva in frigo e poi si mangiava bianco o con aggiunta di frutta, cioccolato, ... Era buonissimo! Lo yogurt che vendono nei vasetti non gli somiglia neppure.

    RispondiElimina
  2. Anche mia madre faceva lo yogurt con i fermenti e questo mi ha sempre scoraggiato dal cimentarmi, non sapevo dove trovarli e mi ricordavo l'operazione come molto complessa! E invece basta partire da uno yogurt del supermercato (naturale, che contenga i fermenti Thermophilus e Bulgaricus)e dal latte intero UHT... se erediti la yogurtiera ti puoi sbizzarrire :-)
    (per chi fosse interessato ad approfondire segnalo questo bellissimo blog: http://ovosodo.blogspot.com/)

    RispondiElimina
  3. io adoro lo yogurt di capra, ma la yogurtiera non ce l'ho... uffa!!!

    RispondiElimina
  4. Rossella, la trovi a meno di 10 euro... oppure, sul sito che ho segnalato, è descritto il metodo per fare lo yogurt senza yogurtiera, solo con una pentola :-)

    RispondiElimina
  5. Mi piace il racconto della tua infanzia che hai scritto..devono essere stati giorni molto belli e divertenti!e mi piace anche che tu abbia portato la tua classe a teatro, cercare di avvicinare i propri alunni alla cultura (libri, teatro, musei etc..) é una delle cose più belle del mondo!!

    RispondiElimina
  6. mi hai dato un'ottima idea, grazie! farò fondere la yogurtiera (spesa davvero utile, chi ne mangia a vagonate non può non averla! ;) )

    RispondiElimina
  7. @Daniela: sì, più ci penso e più sono contenta... si erano anche vestiti tutti elegantissimi e oggi l'entusiasmo era palpabile:-)! Grazie della visita!
    @MammaC: e vedrai che buono :-)!

    RispondiElimina
  8. ehm ehm, quando ho letto: ho inizato a produrre la yogurt da me ho pensato "miticaaaaa, s'è presa una capretta!"

    RispondiElimina
  9. @Polly: non mi tentareeeeee :-)))!! Se non avessi già "imposto" ai miei genitori (che hanno un piccolo giardino) quattro gatti e un pesce rosso, avrei già la mia capretta... ok l'orto sul balcone, ma per il pascolo la vedo dura... una gallinella, forse... :-)))

    RispondiElimina
  10. Anche io adoro i prodotti a base di latte di capra!
    Devo provare con la pentola...sìsìsìsìsì.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails