Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

mercoledì 25 luglio 2007

-3

"Oh, Anna, come posso persuaderti che al di là di tutti questi amori che ci riempiono la vita - c'è l’Amore. Lo Sposo passa per questa strada e passa per tutte le strade! Come posso persuaderti che tu sei la Sposa. Bisognerebbe adesso perforare la crosta della tua anima come quando nel sottobosco e nel suolo si cerca la sorgente d’acqua tra il verde. Sentiresti allora il richiamo: oh, mia amata, tu non sai quanto mi appartieni, non sai quanto appartieni al mio amore e alla mia pena - perché amare vuol dire donare la vita attraverso la morte, amare vuol dire sprigionare dalle profondità dell'anima l’acqua viva della sorgente, l’anima che brucia, arde senza fiamma ma non riesce a ridursi in cenere. Oh, fuoco e sorgente! Non senti la fonte ma il fuoco ti divora. Vero? "
 
Karol Wojtyla , "La bottega dell'orefice"

martedì 24 luglio 2007

- 4

"...Incominciò allora un discorso sulle piccole cose delle nostre nozze. Gli parlai della cravatta che gli sta meglio di tutte, e dell'abito scuro che gli va tanto bene. Andrea ascoltava contento non perché cercava adulazione ma perché voleva sempre piacermi e farmi piacere. Guardammo poi a lungo, insieme, la vetrina dell'orefice. là, negli astucci foderati di velluto brillavano dei gioielli. Tra gli altri - anche fedi nuziali. Le guardammo un attimo zitti, zitti. Poi Andrea mi prese per mano e disse: "Entriamo, Teresa, bisogna scegliere le fedi!".
Ma non siamo entrati subito, ci fermò un pensiero, nato - lo sapevamo bene- nello stesso momento in me e in lei.
Le fedi che stanno in vetrina ci dicono qualcosa con strana fermezza. Per ora sono solo oggetti di metallo prezioso, ma lo saranno soltanto fin quando io ne metterò uno al dito di Teresa e lei metterà l'altra al mio.
Da quel momento saranno loro a segnare il nostro destino.
Ci faranno sempre rievocare il passato come fosse una lezione da ricordare. Ci spalancheranno ogni giorno di nuovo il futuro allacciandolo con il passato. E insieme, in ogni momento, serviranno a unirci invisibilmente come gli anelli estremi di una catena.

Karol Wojtyla , "La bottega dell'orefice"

giovedì 19 luglio 2007

Un altro anno

Un altro anno è trascorso, un altro anno con i suoi volti, momenti, confronti, esami… i preparativi fervono e i giorni corrono ma non voglio lasciare il blog sospeso sul disincanto… così ecco il mio augurio di fine anno, “per tutti i miei alunni”, per alcuni rinnovato, ad altri qui dedicato: 

Se
di

Rudyard Kipling

Se puoi vedere distrutto il lavoro di tutta la tua vita
e senza dire una parola ricominciare,
se puoi perdere i guadagni di cento partite
senza un gesto e senza un sospiro di rammarico,
se puoi essere un amante perfetto
senza che l'amore ti renda pazzo,
se puoi essere forte senza cessare di essere tenero
e sentendoti odiato non odiare, pur lottando e difendendoti,
Se tu sai meditare, osservare, conoscere,
senza essere uno scettico o un demolitore,
sognare senza che il sogno diventi il tuo padrone,
pensare senza essere soltanto un pensatore,
se puoi essere duro senza sentire collera,
se puoi essere sempre coraggioso e mai imprudente,
se tu sai essere buono e saggio
senza diventare né moralista, né pedante,
Se puoi incontrare il Trionfo e la Disfatta
e ricevere i due mentitori con fronte eguale,
se puoi conservare il tuo coraggio e il tuo sangue freddo
quando tutti lo perdono,
Allora i Re, gli Dei, la Fortuna e la Vittoria
saranno per sempre tuoi sommessi schiavi
e, ciò che vale meglio dei Re e della Gloria,
Tu sarai un uomo.

 
… con l’augurio che questo e i prossimi anni possano vedervi crescere in amicizia e sapienza, aiutarvi a conoscere voi stessi e gli altri, darvi le ali per realizzare i vostri sogni e la vostra vita.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails