Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath Happy Birthday tickers

Daisypath - Happy Birthday

mercoledì 12 luglio 2006

In sella

Non c’è posto in cui io rifletta meglio e più lucidamente che in sella ad una moto… si dovrebbe poter scrivere mentre si va e i pensieri affiorano limpidi e leggeri; la strada per la Valsesia è una delle più belle, in questi giorni, circondata dal verde brillante delle risaie e da quello più scuro, intenso, dei campi di mais; poi, di notte, rimangono solo le ombre, i contorni diventano definiti e i profumi si risvegliano… non c’è nulla che permanga più vivo nel ricordo che l’odore delle serate in moto: menta, acqua, luna piena: tutto si fonde in un profumo inconfondibile e ogni volta diverso… 

Ieri mi capitava di pensare… a tante cose… al futuro, immaginato nei minimi dettagli, e al passato, con le sue scelte, le mie scelte… Il vento in faccia sdrammatizza e incoraggia il “gioco dei se”: se fossi nata altrove, se avessi studiato Fisica, invece di Lettere, se avessi frequentato il Liceo Scientifico, invece del Classico… e ti rendi conto che questa continua “scelta al bivio” fa la vita che stai vivendo davvero tua e unica… Ma il vento sdrammatizza, dicevamo, e così ti diverti a immaginare le altre vite possibili…e magari capisci la profonda affinità con un’amica, una persona che rappresenta quell’altra te stessa, quell’altro destino che hai avuto la fortuna di incontrare perché completasse e rendesse migliore il tuo… questa si rivela l’essenza dell’amicizia, quando pensi, in sella ad una moto… E pensi anche che forse l’estate, questo tempo sospeso, è il momento in cui potresti abbattere qualche confine, sperimentare qualche alternativa scartata, riprendere in mano quel libro, fare un viaggio in quei luoghi… Chissà. Ma c’è anche il futuro da vivere, e altre scelte da compiere… Allora forse mi immergerò solo in lunghe letture e in sognanti viaggi in moto. 

P.S. Per rassicurare chiunque leggesse… mentre mi perdo in questi pensieri, alla guida della moto non ci sono io

4 commenti:

  1. 14/07/2006 15.30.06
    Ciao Prof.!
    Che dire..passavo di qui per caso...No,non è vero, l'indirizzo del blog me l'ha dato Guglielmo, su mia esplicita richiesta...Mi ha fatto piacere scoprire che anche lei ha un piccolo spazio personale. E' una cosa che io adoro: una pagina bianca su cui raccontare e raccontarsi, sapendo che chinque potrà leggere e leggerti. Così mi ha piacevolmente stupito scoprire che anche lei apprezza questo genere di letteratura...perchè anche questa è letteratura, vero?
    Se ha voglia faccia una visitina al mio spazio, aggiungo spesso qualcosa, testi miei o presi in prestito...ma non nelle prossime due settimane, visto che vado al mare, in Calabria, con gli amici...Poi giuro che mi metto a studiare...e magari do un'occhiata anche ai Sepolcri, chissà! (Per il Purgatorio, però, niente da fare...)
    Ora non mi resta che salutarla, augurandole buone vacanze!
    A presto,
    Michele

    RispondiElimina
  2. 17/07/2006 21.55.28
    Eheh! Un altro che è rimasto all'Inferno e che vedendo Beatrice ha pensato "e questa che vuole da me"?
    Per i viaggi: 21/7 11/8 torno a casa (Irlanda) poi tempo di iscriversi e di partire in interrail... il programma prevede i recessi della Finlandia (andate so google map e cercate muonio) e poi la spagna con qualcosa da vedere in germania e un Vienna sempre presente: basterà un mese?

    Sì... Sulla Strada può rovinarti in tanti modi: cominci a drogarti, diventi ninfomane o, più semplicemente, ti accorgi che puoi andare ovunque mettendoti particolarmente d'impegno per volerlo.

    RispondiElimina
  3. 22/07/2006 15.15.30
    bella PROF!!!anch'io passavo di qua e leggendo questo suo pensiero mi è venuta in mente una canzone degli 883 (gliela scrivo tutta, ma la parte importante è quella iniziale...)...Roby

    QUELLO CHE CAPITA

    Chi lo sa se il mio posto è qui
    o è solo una fatalità
    una questione di numeri
    di probabilità
    che può decidere chi sarai
    lingue e dialetti che parlerai
    accenti ed inflessioni che avrai
    luoghi e profumi che chiamerai
    "casa mia..."

    Così ho preso la macchina
    guidando di città in città
    e da quella grandissima
    alla più piccola
    c'erano tante persone che,
    pur non essendo uguali a me,
    anche se non proprio identiche,
    c'era qualcosa, qualcosa che...

    forse è che si fa quello che si può,
    forse è che si fa quello che capita
    con più o meno dignità...

    forse è come pescare un numero
    e sperare poi in quello che capita,
    senza troppa logica

    Un mattino in un autogrill
    io e la mia tazza di caffè,
    scende un uomo da un bilico e
    si siede accanto a me
    rubrica, numero, preme invio
    "amore, scusami sono io
    soltanto volevo dirti che
    mi sei mancata, baby,
    I'm comin' home.."

    Ho ripreso la macchina
    e sono ritornato qui
    c'è una luna bellissima
    e vengo a prenderti,
    perchè ogni giorno è diverso e
    anche se sembrano uguali c'è
    anche un dettaglio invisibile,
    sempre qualcosa, qualcosa che...

    forse che si fa quello che si può
    forse che si fa quello che si capita
    con più o meno dignità...

    forse è come pescare un numero
    e sperare poi in quello che capita
    ma ringrazio il cielo che
    tu sei capitata a me

    RispondiElimina
  4. 23/07/2006 21.05.25
    Buone vacanze ad entrambi, dunque, Michele e Guglielmo: a Michele raccomando di fare il bravo e di non fumare troppo :-), a Guglielmo di non perdersi, tra le strade del mondo; un bacio a Roberta: fai tesoro della tua sensibilità e del tuo sorriso nell’affrontare la vita! Grazie di essere passati di qui “per caso”; dei vostri blog sono appassionata lettrice e, per rispondere a Michele, sì, penso che anche questa sia una forma di letteratura, come qualunque ricerca di senso condivisa, più o meno consapevole, che si fa parola e racconto… Come ho scritto nel primo post, è a voi che devo il merito di avermi fatto riscoprire il piacere di raccontare e raccontarmi… spero diventi anche un modo per restare in contatto, perché possiate farmi sapere del vostro presente e futuro, qualunque direzione prendano le nostre strade…
    Abbiate cura di voi, un caro abbraccio e a presto!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails